AssistiAmOnlus

AssistiamOnlus è un servizio di assistenza gratuito per aiutare a trovare la miglior soluzione nella scelta di un'assistente domiciliare per anziani, disabili e famiglie che abbiano la necessitá di un professionista del terzo settore, diminuendo cosí i rischi di cadere delle mani di FALSE AGENZIE PER IL LAVORO, conosciute anche come Aziende di lavoro interinale, o anche Agenzie di somministrazione lavoro, imprese private che molto spesso non sono autorizzate alla fornitura di lavoro in Italia, secondo il Decreto legislativo 10 settembre 2003 n. 276, variamente modificato, cosiddetta Legge Biagi.


Perchè farsi aiutare da noi!


Servizi

Consulenza Servizi di Assistenza

Lo Stato riconosce determinate agevolazioni fiscali per il datore di lavoro che versa regolarmente all’Inps i contributi per colf o assistenti familiari, oltre a benefici previdenziali ai disabili e ai familiari che li assistono.

Tuttavia, in caso di mancata iscrizione del lavoratore domestico all’INPS, la Direzione Provinciale del Lavoro può applicare al datore di lavoro una sanzione che va da 1.500 euro a 12.000 euro per ciascun lavoratore “in nero”, maggiorata di 150 euro per ciascuna giornata di lavoro effettivo, cumulabile con le altre sanzioni amministrative e civili previste contro il lavoro nero.

Il nostro compito è reperire, selezionare e mettervi in contatto con l'Assistente Familiare desiderato, preparare e stipulare il contratto. Quando l'Assistente è contrattato direttamente dalla famiglia, accettiamo, su richiesta esplicita, l'incarico di gestirne la parte fiscale e amministrativa.

COVID-19

Cosa devi sapere

Abbiamo consulenti dedicati, formati da personale altamente qualificato, che possono indirizzarvi nelle istituzioni corrette per acquisire l'assistente adeguato alle vostre esigenze, informandovi anche sui diritti e i doveri del rapporto di lavoro.

Una qualificata Assistente Sociale sarà sempre a vostra disposizione per orientarvi sia sul vostro stato di salute e condizioni sociali, sia per il controllo dell'Assistente da voi scelto.

Prendete visione delle norme precauzionali da seguire per proteggersi dall'infezione del nuovo coronavirus.

AssistiAmOnlus offre consulenza gratuita ad anziani, disabili, persone con problemi di salute stabilmente o temporaneamente non autosufficienti, famiglie che hanno bisogno di aiuto per l'accompagnamento giornaliero dei minori e lavori domestici in genere.

Attenzione!!! AssistiAmOnlus non è un'Agenzia che somministra lavoro.

Agenzie

Difendetivi dalle False Agenzie.

Possiamo mettervi velocemente in contatto con istituzioni pubbliche o private che dispongano di materiale umano qualificato e regolarmente contrattato, scappando dalle grinfie di false agenzie che sfruttano illecitamente le deficienze delle strutture assistenziali del nostro paese e si impossessano indebitamente, soprtattutto attraverso mezzi di comunicazione telematici, dei Vostri dati personali divulgandoli a paesi terzi o ad organizzazioni internazionali che spesso si sostituiscono alla stessa Agenzia contrattata.

Il crescente numero di anziani e disabili rappresenta un oggetto di desideri per molti imprenditori del terzo settore, che vedono in loro un business più redditizio dell'industria della moda.

AiutateVi a liberarVi del cancro delle false Agenzie e chiamate noi o altri servizi sociali messi a disposizione da tutte le Regioni e dai loro Comuni.






COVID-19

Che cosa devi sapere.


Prevenzione

Prevenzione
Prevenzione
Prevenzione
Prevenzione
Prevenzione
Prevenzione

Sintomi

Sintomi
Sintomi
Sintomi
Sintomi
Sintomi

Trasmissione

Trasmissione
Trasmissione
Trasmissione
Trasmissione
Trasmissione
Trasmissione


AssistiAmOnlus

Assistenza Familiare

Benefici

Lo Stato riconosce determinate agevolazioni fiscali per il datore di lavoro che versa regolarmente all’Inps i contributi per colf o assistenti familiari, oltre a benefici e agevolazioni previdenziali ai disabili e ai familiari che li assistono.

Fiscali

Benefici Fiscali




Colf

Il datore di lavoro può dedurre dal proprio reddito, per un importo massimo di 1.549,37 euro l’anno, i contributi previdenziali obbligatori versati per la colf. A tal fine è tenuto a conservare le ricevute dei bollettini Inps.

L’importo massimo deducibile è fisso e non varia in base ai redditi dichiarati.

Assistente Familiare

Il datore di lavoro può detrarre dall’imposta lorda il 19% delle spese sostenute per gli addetti all’assistenza di persone non autosufficienti, per un importo massimo di 2.100 euro l’anno. La detrazione spetta al soggetto non autosufficiente o ai familiari che sostengono la spesa.

Per poter usufruire di questa agevolazione sono necessari:

1) il certificato medico, rilasciato da un medico specialista o generico, che attesti la condizione di non autosufficienza, da esibire a richiesta dell’amministrazione finanziaria;

2) le ricevute delle retribuzioni erogate, firmate dall’ assistente familiare.

Si può usufruire di tale detrazione se il reddito complessivo non supera 40.000 euro.

Previdenziali

Benefici Previdenziali




Le leggi italiani prevedono aiuti, erogati dall'INPS, per anziani non autosufficienti, disabili e invalidi.

Nel dettaglio, per non anziano non autosufficiente si intende colui che non è in grado di deambulare o compiere le normali azioni quotidiane senza l’assistenza di un accompagnatore. Per invalidità invece si intende la riduzione della capacità lavorativa mentre il disabile è colui che è affetto da un handicap che può essere mentale, motorio o sensoriale.

In tutti i casi all’anziano non autosufficiente, all'invalido o al portatore di handicap (e ai familiari che li assistono) sono riconosciute particolari agevolazioni, come, per esempio, l’assegno di accompagnamento di circa 500 euro al mese oltre alla possibilità di detrarre dalle tasse i costi sostenuti per l’acquisto di farmaci, deambulatori e per l’assunzione di colf e badanti.

Per gli anziani, a seconda della tipologia di agevolazioni, ci sono dei requisiti da soddisfare; nella maggior parte dei casi comunque non basta aver compiuto un certo numero di anni, poiché per accedere ai contributi è necessario essere non autosufficienti, invalidi o portatori di handicap.



Sanzioni

Sanzioni




Se il datore di lavoro omette o ritarda la comunicazione obbligatoria all’Inps, è soggetto al pagamento una sanzione amministrativa alla Direzione Provinciale del Lavoro che va da 100 a 500 euro per ogni lavoratore di cui non si è comunicata l’assunzione.

In caso di mancata iscrizione del lavoratore domestico all’INPS, la Direzione Provinciale del Lavoro può applicare al datore di lavoro una sanzione che va da 1.500 euro a 12.000 euro per ciascun lavoratore “in nero”, maggiorata di 150 euro per ciascuna giornata di lavoro effettivo, cumulabile con le altre sanzioni amministrative e civili previste contro il lavoro nero.

Se la comunicazione avviene entro un anno – fatte salve le sanzioni comminate dalla Direzione Provinciale del Lavoro – l’Inps applica le sanzioni civili come stabilito dalla legge 388/2000 ai trimestri pagati in ritardo. In caso di iscrizione con ritardo superiore ad un anno, ai trimestri oltre l’anno vengono applicate le sanzioni così come previste dalla legge 388/2000 art 116 comma b.

Il versamento tardivo dei contributi, in presenza di iscrizione regolare, comporta l’applicazione delle sanzioni civili e il tasso è quello vigente al momento del pagamento.





Benefici Fiscali


Una parte dei costi sostenuti per assistenti familiari, colf, badanti e spese mediche vi vengono rimborsati dallo Stato sotto forma di detrazione Irpef.

Con la dichiarazione dei redditi, infatti, è possibile scaricare dalle tasse:

1) spese di assistenza per una persona non autosufficiente: si possono detrarre ai fini Irpef fino a 2.100€ di spese per l’assistenza di anziani, ma solo se il reddito non supera i 40.000€. La detrazione è pari al 19% dei costi sostenuti;

2) assunzione colf e badanti: anche i contributi versati per la badante assunta per assistere un anziano non autosufficiente si possono dedurre dai redditi. In tal caso il limite di spesa è di 1.549,37€ annui, per una detrazione del 19%;

3) spese mediche: si possono scaricare dalle tasse i costi sostenuti per l’acquisto di farmaci. La detrazione è sempre del 19% ma si calcola sulla franchigia di 129,11€; solamente i costi che eccedono questa soglia, quindi, si possono detrarre ai fini Irpef.

La deduzione fiscale per la colf si può sommare alla detrazione prevista per l’assistente familiare, e viceversa.






Spese Sanitarie Detraibili

Per quanto riguarda le spese mediche bisogna specificare che alcune sono tuttavia ammesse integralmente alla detrazione del 19% senza sottrarre la franchigia di 129,11€, come specificato nel dettaglio che segue:



Benefici Fiscali

Altri contributi sono concessi agli anziani disabili che rientrano nelle categorie previste dalla Legge 104.


Torna all'inizio della pagina »






Benefici Previdenziali




Assistere un anziano, un disabile o un invalido richiede impegno, pazienza e dedizione, specialmente quando queste persone non sono autosufficienti.

Esistendone le condizioni, lo Stato provvede, attraverso l'INPS, a erogare una serie di aiuti che variano secondo la tipologia e le necessità della persona.


Benefici Previdenziali







Assegno di accompagnamento


L’assegno di accompagnamento è un contributo riconosciuto agli invalidi totali (invalidità al 100%) non autosufficienti, indipendentemente dall’età. Quindi ne possono fare richiesta sia i giovani che gli anziani, purché soddisfino le suddette condizioni.

Si tratta di una prestazione assistenziale che non dipende dal reddito del richiedente o del suo nucleo familiare.

Per richiederlo bisogna innanzitutto presentare l’istanza di riconoscimento dell’invalidità 100% all’INPS allegando la certificazione del medico curante. Qualora all’anziano venga riconosciuta l’invalidità al 100% che ne impedisce l’autosufficienza gli verrà concesso l’assegno di accompagnamento per un importo netto di 516,35€ esentasse.



Torna all'inizio della pagina »





AssistiAmOnlus

Agenzie Autorizzate

per l'assistenza alla persona


 Il D. Lgs

n. 276/2003

Regolamento Legislativo

Il D. Lgs n. 276/2003 ridisegna completamente la procedura di autorizzazione da parte dello Stato per le Agenzie per il Lavoro, abrogando completamente le precedenti Agenzie di lavoro interinale, di cui alla legge 24 giugno 1997, n. 196, relativa al cosiddetto Pacchetto Treu.

Le nuove Agenzie per il Lavoro svolgono attività di somministrazione, intermediazione, ricerca e selezione del personale e attività di supporto alla ricollocazione professionale.

Tutte le attività sopra indicate devono essere svolte nell'ambito di un sistema coordinato, attraverso il collegamento con la Borsa continua nazionale del lavoro, quale strumento telematico di collegamento e raccordo tra pubblico e privato al fine del collocamento dei lavoratori – completamente liberalizzato con la soppressione dei vecchi Uffici di collocamento e delle relative liste di collocamento – al fine di garantire un mercato del lavoro aperto e concorrenziale.

Obblighi

e Servizi

Documenti per l'Analisi

Contrattando un'Agenzia il Cliente e la Famiglia non hanno rapporti contrattuali diretti con le assistenti ma solo con i rappresentanti della stessa, che si assume tutte le responsabilità della gestione del servizio e gli oneri previdenziali o fiscali. La durata dei contratti è determinata dalla volontà del Cliente, che può sospendere o interrompere del tutto il contratto a seconda del bisogno.

Assistenti domiciliari e ospedalieri, badanti, baby-sitter e collaboratrici domestiche possono essere contrattati a casa vostra per servizi parziali o continuativi.

Personale selezionato, capace e responsabile, rimane al vostro servizio con la sicurezza della copertura oraria e dell’eventuale ricambio, garantendo una copertura da una a ventiquattro ore al giorno continuative di erogazione del servizio.

L'Agenzia si deve compromettere o intervenire in caso di bisogno 24 ore su 24.

Altri

Servizi

Documenti per il Contratto

L'Agenzia può essere una valida alternativa al ricovero dell’anziano in case di riposo, case protette e ospizi, potendo disporre per l'intera giornata di personale che fornisce i più svariati servizi come:

a) Assistenza domiciliare Anziani (spese, commissioni, pulizie, compagnia).

b) Assistenza domiciliare anziani non autosufficienti (igiene e cura della persona, alimentazione, vestizione, mobilità, attività motoria, terapia occupazionale, animazione, comunicazione, relazione, dialogo)

c) Assistenza disabili

d) Assistenza ospedaliera post-operatoria

e) Assistenza ospedaliera lungodegenza

f) Assistenza lungodegenza in case protette

g) Servizi domiciliari generali integrati

h) Consulenza su materiali e attrezzature inerenti le cure dell’anziano o disabile


Le Agenzie, tuttavia, sono rigorosamente soggette ai seguenti obblighi:

a) Autorizzazioni del Ministero del Lavoro per la somministrazione di lavoro.

b) Selezione del personale.

c) Offerta di personale qualificato per i servizi richiesti.

d) Controllo sanitario preventivo e periodico dell'addetto alla persona del Cliente.

e) Pagamento del salario mensile dell'operatore secondo le norme previste dal CCNL per la categoria.

f) Ferie e 13ª mensilità.

g) Emissione di buste paga e TFR.

h) Riposo settimanale e due ore giornaliere durante il lavoro.

i) Pagamento delle ore straordinarie.

l) Pagamento dei contributi previdenziali.

m) Contratto di lavoro regolarmente stipulato.

Sanzioni.

In mancanza di uno qualsiasi dei requisiti sopra elencati, le Agenzie potranno incorrere nelle sanzioni previste dalle norme del lavoro e dalle norme del Ministero della Sanità. Le sanzioni che non rispettano il rapporto di lavoro potranno essere applicate anche al Cliente contrattante i servizi.



AssistiAmOnlus

Servizi di Assistenza

Requisiti di Legge



L’assunzione di un collaboratore domestico come assistente familiare, colf, baby sitter, governanti, camerieri, cuochi ecc. presuppone che si rispettino determinati obblighi di legge.

La famiglia che intende assumere un lavoratore domestico deve innanzitutto prendere accordi con il lavoratore sulle condizioni contrattuali di lavoro e richiedere al lavoratore tutti i documenti necessari per perfezionare il rapporto di lavoro.

In particolare, se il lavoratore è italiano o comunitario può essere assunto anche se non iscritto nelle liste del collocamento.

È però necessario che sia in possesso del codice fiscale, di un documento di identità e della tessera sanitaria aggiornata e rilasciata dall’ASL.

È ammessa l’assunzione di minori con età minima di 16 anni; in questo caso, il lavoratore deve presentare oltre ai documenti già indicati:

a) il certificato di idoneità al lavoro, rilasciato dall’Ufficiale sanitario dell’ASL di zona dopo visita medica a cura e carico del datore di lavoro;

b) la dichiarazione dei genitori o di chi esercita la potestà familiare, vidimata dal Sindaco del Comune di residenza, con cui si acconsente che il lavoratore minorenne viva presso la famiglia del datore di lavoro o, in alternativa, per i minori ad ore, l’autorizzazione scritta di chi esercita la patria potestà.

In caso di lavoratore extra-comunitario, oltre al passaporto e al codice fiscale, è necessario avere anche il permesso di soggiorno.

Dopo aver acquisito i documenti necessari si concordano le condizioni per stipulare in forma scritta il contratto di lavoro.

A partire dal 29 gennaio 2009 la comunicazione di assunzione deve essere presentata all’Inps entro le ore 24 del giorno precedente (anche se festivo) a quello di instaurazione del rapporto di lavoro. La comunicazione ha efficacia anche nei confronti dei Servizi competenti, del Ministero del lavoro, della salute e delle politiche sociali, dell’Istituto nazionale per l’assicurazione contro gli infortuni sul lavoro (Inail), nonché della Prefettura-Ufficio Territoriale del Governo.

In caso di rapporto di lavoro che preveda la convivenza, è inoltre richiesto l’invio alla Pubblica Sicurezza di apposita Comunicazione di ospitalità, entro 48 ore dall’inizio dell’ospitalità.

In seguito all’iscrizione, l’Inps provvede ad aprire una posizione assicurativa in favore del lavoratore domestico ed invia al datore di lavoro i bollettini Mav per il versamento dei contributi dovuti.

Il contributo è legato alla paga oraria effettiva e viene versato trimestralmente entro il 10° giorno successivo al termine di ciascun trimestre. Per cui, per il primo trimestre la scadenza è il 10 Aprile, per il secondo trimestre il 10 Luglio, per il terzo trimestre il 10 Ottobre e per il quarto trimestre il 10 Gennaio dell’anno successivo.

Da Gennaio 2019 è obbligatoria l'emissione della busta paga per tutti gli ordini e gradi di datori di lavoro.

Gli elementi che compongono la paga oraria sono:

1) la retribuzione oraria concordata tra le parti;

2) il valore convenzionale del vitto e alloggio, ripartito in misura oraria.

3) la tredicesima mensilità (gratifica natalizia) ripartita in misura oraria;

Gli adempimenti necessari per l’assunzione, la variazione e la cessazione di un rapporto di lavoro con un lavoratore domestico possono essere effettuate:

Noleggio autovetture e veicoli commerciali formula full tutto incluso


Generic placeholder image
Generic placeholder image

Adempimenti Legali


Contratto di Lavoro
Comunicazione all'INPS
Retribuzione
Busta Paga
Oneri Fiscali
Oneri Previdenziali

Indica il tuo collaboratore domestico



Obs: Non tutte le categorie di lavoratori sono presentate. Se desideri informazioni su di un'altra categoria di lavoratore scrivilo nel corpo del messaggio.



RICHIEDI UNA CONSULENZA GRATUITA

Il servizio tiene conto dei seguenti criteri:
  • Definire la qualifica del lavoratore.

  • Valutare la durata e il tipo del rapporto di lavoro.

  • La località di esecuzione del lavoro.

Il nostro servizio mensile ti consente di avere:
  • Gestione legale del rapporto di lavoro.

  • Emissione delle Buste Paga.

  • Emissione di bollettini per gli oneri previdenziali e fiscali.


Seleziona la tua categoria di Utente:

specificando se 

ho già un collaboratore familiare.

non ho un collaboratore familiare. 

Hai già un collaboratore familiare

Non ho ancora un collaboratore familiare



Hai già un collaboratore domestico?

Informa qui i tuoi dati e i dati del collaboratore.

Un nostro consulente entrerà in contatto quanto prima.


















Attenzione! I campi contrassegnati con l'asterisco sono obbligatori.





Se volete contattarci direttamente telefonate ai numeri

 389-5237727 o 388-1569676

o per Email scrivendo a

info@assistiamonlus.org



Non hai già un collaboratore domestico?

Informa qui i tuoi dati.

Un nostro consulente entrerà in contatto quanto prima.

















Attenzione! I campi contrassegnati con l'asterisco sono obbligatori.





Se volete contattarci direttamente telefonate ai numeri

 389-5237727 o 388-1569676

(con Riccardo o Claudia)

o per Email scrivendo a

info@assistiamonlus.org




Messaggio inviato con successo!

Messaggio inviato con successo!

Sr. la sua richiesta di Informazioni è stata inoltrata con successo!');

Indietro »



Contatto

 348-5405670 o 329-8444207

Se volete contattarci direttamente per Email scrivete a

info@assistiamonlus.org

Informa i tuoi dati nel form. Un nostro Supervisore entrerà in contatto quanto prima.








Attenzione! Solo i campi contrassegnati con l'asterisco sono obbligatori.